La Manovra di Heimlich: che cos'è e come si effettua - Trenta e Due

Ne sentiamo parlare e spesso la vediamo anche in film e serie tv, la manovra di Heimlich può salvarti la vita in caso di ostruzione delle vie aeree. Ma cos’è e come si effettua?

Cos’è e quando si effettua?
La manovra di Heimlich prende il nome dal medico statunitense Henry Heimlich che per primo la descrisse nel 1974. Si effettua in caso di ostruzione totale delle vie aeree e su un paziente ancora cosciente con un’età superiore all’anno d’età.

In pratica:
Ha la funzione di creare una pressione al di sotto del diaframma, in modo da creare un potente colpo di tosse “artificiale” che possa disostruire le vie aeree. Si effettua cingendo stabilmente la vittima con entrambe le braccia, che passano sotto le sue ascelle in modo tale che anche in caso di perdita di conoscenza avremo la possibilità di adagiare il corpo per terra senza rischi per entrambi. Si praticano le compressioni addominali all’altezza del diaframma con un movimento a “cucchiaio” che spinge verso l’alto, facendo attenzione di tenere la schiena del paziente sul nostro petto, creando una superficie rigida. In caso di manovra effettuata su un bambino ci si può inginocchiare mettendosi alla sua altezza. Si continua la manovra fino a quando il corpo estraneo viene espulso o fino a quando il paziente perde conoscenza.

Imparala!
Se sei interessato a imparare questa manovra correttamente e provarla direttamente sui manichini, partecipa ad uno dei nostri corsi di Primo Soccorso. Clicca qui per le prossime date.